fbpx
HomeSalute e BenessereVitamina d e K: ecco perché non devono mai mancare.

Vitamina d e K: ecco perché non devono mai mancare.

-

Vitamina d e k sono dei composti molto importanti che devono essere sempre presenti nel ostro organismo. Leggendo tutto l’articolo scoprirai perchè è importante integrare vitamina d e k nella tua alimentazione e cosa comporta la loro carenza.

Hai fatto un esame del sangue e hai poca vitamina D? Niente paura, non sei l’unica persona che ha questo problema: nel nostro Paese si stima che il 60% degli adulti e circa l’80% degli anziani abbia una carenza di questa vitamina.

La vitamina D viene sintetizzata attraverso la pelle e solo una piccola parte proviene dalla dieta. In Italia, pur essendo un Paese con un elevato numero di ore di sole all’anno, negli ultimi anni è stato rilevato un deficit crescente di questa vitamina, dovuto principalmente alla scarsa esposizione al sole (molto tempo a casa o in ufficio, uso di creme solari, ecc.).

Le persone che hanno un rischio maggiore di soffrire di questa carenza di vitamina D sono quelle che soffrono di malattie che causano il suo malassorbimento, come le persone celiache ; coloro che assumono determinati farmaci che influenzano il metabolismo della vitamina d ; coloro che sono in sovrappeso ; persone con insufficienza renale o donne in gravidanza.

Gli anziani sono a rischio perché la loro pelle non produce vitamina D quando prendono il sole in modo efficiente come quando erano giovani e i loro reni sono meno capaci di convertire la vitamina D nella sua forma attiva.

Le persone dalla pelle scura producono poca vitamina D perché la melanina nella loro pelle compete con il precursore della vitamina D per la luce solare.

A Cosa serve la vitamina d?

vitamina d e k

La vitamina D svolge un ruolo fondamentale nel corretto funzionamento dell’organismo in quanto è coinvolta in molti processi fisiologici come, ad esempio, nell’assorbimento e nel mantenimento dei livelli di calcio nelle ossa. Pertanto, una carenza prolungata di vitamina D può aumentare il rischio di osteoporosi e fratture ossee.

Inoltre, la vitamina D ha una importante funzione ormonale, al di là della sua funzione di regolatore del metabolismo osseo e, a poco a poco, alla vitamina D è stato attribuito un ruolo rilevante nella fisiologia umana in generale. Numerosi studi sono stati effettuati negli anni per evidenziare queste azioni extraossee, compresa la sua azione sul sistema immunitario.

Quali sintomi provoca la carenza di vitamina d?

Se ti manca la vitamina D, è probabile che non avrai alcun sintomo. 

Livelli molto bassi di vitamina D per lunghi periodi di tempo possono portare alla perdita di densità ossea, che può portare a osteoporosi e fratture. Una grave carenza di vitamina D può anche portare ad altre malattie. Nei bambini può causare rachitismo. 

vitamina d e k

Il rachitismo è una malattia rara che fa diventare le ossa morbide e a lungo adare si piegano. Negli adulti, una grave carenza di vitamina D porta all’osteomalacia, che causa ossa deboli, dolore osseo e debolezza muscolare. I ricercatori stanno studiando la vitamina D per il suo possibile collegamento a diverse condizioni mediche, tra cui diabete, ipertensione, cancro e malattie autoimmuni. Sono necessarie ulteriori ricerche prima di poter comprendere gli effetti della vitamina D su queste malattie.

Vitamina D bassa? Ecco di quanta ne abbiamo Bisogno

La quantità di vitamina D di cui hai bisogno ogni giorno dipende dalla tua età. Gli importi raccomandati, in unità internazionali (UI), sono:

  • Nascita a 12 mesi: 400 UI
  • Bambini da 1 a 13 anni: 600 IU
  • Adolescenti tra i 14 e i 18 anni: 600 UI
  • Adulti da 19 a 70 anni: 600 UI
  • Adulti sopra i 71 anni: 800 UI
  • Donne in gravidanza e allattamento: 600 UI

CONSIGLI

  • Dieta : la vitamina D è presente in alcuni alimenti come pesce grasso (aringa, salmone, sgombro), tuorli d’uovo, carne e cibi fortificati.
  • Sole : prendere il sole aiuta l’organismo a sintetizzare la vitamina D. Tieni presente che l’ esposizione al sole deve essere controllata e preventivamente concordata con il medico.
  • Integratori di vitamina D : la vitamina D è presente in molti multivitaminici. Ci sono anche integratori di vitamina D. Un ottimo integratore di vitamina d lo puoi trovare cliccando qui.

Vitamina K a cosa serve e dove si trova

vitamina d e k

La vitamina K è stata scoperta nel 1930, quando si cercava la causa dell’eccessivo sanguinamento nei polli alimentati con una dieta povera di grassi . Da allora è nota la sua importanza nel processo di coagulazione del sangue, e per circa 80 anni si pensava che il suo ruolo fosse solo quello. Tuttavia, recenti ricerche attribuiscono alla vitamina K molte altre proprietà.

Esistono tre tipi di vitamina K:

  • K1 o fillochinone: è quella con il maggior consumo; La troviamo in alcune verdure come cavoli, cavoli, spinaci, broccoli, cavolfiori, cavoletti di Bruxelles, lattuga, peperoni, sedano e carote.
  • K2 o menachinone: è di origine batterica quindi il microbiota del nostro intestino che è in grado di produrlo. Si trova anche nella soia e nei latticini fermentati, nelle carni e nelle uova.
  • K3 o menadione: non è disponibile in natura, ma è una forma sintetica che funziona come precursore del fillochinone, motivo per cui è considerato una provitamina.

Effetti benefici della vitamina K

Evitare un’emorragia eccessiva

L’effetto della vitamina K su varie funzioni dell’organismo ha a che fare con le proteine che da essa dipendono. Nel caso della coagulazione del sangue, sono 7 le proteine (chiamate fattori di coagulazione), che richiedono vitamina K per prevenire un’emorragia eccessiva quando ci facciamo male. Quindi, la carenza di vitamina K ci rende inclini al sanguinamento.

Vitamina k è Essenziale per le ossa

A livello osseo sono presenti anche proteine ​​dipendenti dalla vitamina K, la più nota è chiamata osteocalcina, che favorisce la formazione ossea e aiuta a prevenire l’osteoporosi. 

Pertanto, è importante avere un apporto sufficiente, non solo di vitamina D , ma anche di vitamina K per preservare la salute delle nostre ossa; soprattutto le donne dopo la menopausa e gli anziani. In effetti, c’è una crescente evidenza dei benefici della vitamina K rispetto agli estrogeni e ai bifosfonati nel trattamento dell’osteoporosi.

Alleato della fertilità maschile

vitamina d e k

L’effetto che la vitamina K ha sulle ossa non si riduce solo ad una questione strutturale, ma va molto oltre. È noto che lo scheletro non solo fornisce supporto al nostro corpo, ma esercita anche una funzione ormonale, proprio grazie all’osteocalcina. 

Questo ormone aumenta la secrezione di insulina, che regola i livelli di glucosio nel sangue, la cui diminuzione ci predispone al diabete. Inoltre, l’osteocalcina svolge un ruolo importante nel dispendio energetico e nella fertilità maschile. Quindi, avere livelli adeguati di vitamina K aiuta a mantenerci magri, prevenire il diabete e, nel caso degli uomini, preservare la fertilità.

Protettore del cuore

La vitamina K sembra essere benefica per la salute del cuore . Ci sono prove crescenti secondo le quali la vitamina K potrebbe aiutare a ridurre lo sviluppo dell’aterosclerosi e la calcificazione delle arterie.

 La placca di ateroma che si forma all’interno delle arterie quando consumiamo grassi animali in eccesso o cibi fritti, tra gli altri fattori, ha la cosiddetta proteina di matrice gla, dipendente dalla vitamina K.

Un’alterazione di questa proteina provoca la calcificazione dell’aorta, la più importante arteria del nostro corpo, e delle arterie coronarie, responsabili dell’apporto di sangue al cuore. Ecco perché gli integratori di vitamina K aiutano a preservare l’elasticità delle arterie e quindi consentono al sangue di raggiungere meglio tutto il corpo.

Possibile strumento nella lotta contro il cancro al fegato

E infine, un’altra proprietà che si sta studiando della vitamina K è l’effetto che contribuisce a inibire lo sviluppo del cancro al fegato. È stato visto che c’è meno vitamina K nel tumore maligno chiamato carcinoma epatocellulare rispetto al resto del tessuto che compone il fegato.

Come puoi conoscere i tuoi livelli di vitamina K?

Il modo più accurato è misurare i livelli di osteocalcina decarbossilata nel sangue. Alcuni autori ritengono che il livello massimo accettato di osteocalcina decarbossilata nel sangue sia di 4 ng/ml, al di sopra del quale, si considera insufficiente vitamina K. Alcuni studi, infatti, rivelano che il 40% delle donne in postmenopausa ha livelli elevati di osteocalcina decarbossilata, esponendo te stesso a un rischio maggiore di subire fratture.

Quanta vitamina K serve al giorno?

Il Food and Nutrition Board raccomanda un’assunzione di vitamina K di 120 microgrammi al giorno per gli uomini e 90 microgrammi al giorno per le donne di età superiore ai 18 anni.

C’è ancora molto da indagare, ma senza dubbio bisogna tenere a mente questa vitamina, a lungo tenuta nel cassetto delle malattie emorragiche.

La vitamina K andrebbe evitata a tutti quei soggetti che sono in terapia anticoagulante (es. cardioaspirina, cumadin etc..). Tale vitamina, infatti, va ad interferire con questi farmaci rendendoli meno efficaci.

Vuoi conoscere il miglior integratore di vitamina D e K? Allora clicca qui e vai direttamente alla scheda prodotto.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Più letti

friggitrice ad aria

Friggitrice ad aria e cucina salutare

La friggitrice ad aria è un elettrodomestico che sta sempre più entrando nelle abitudini di acquisto di molte persone. Solitamente su questo sito tratto argomenti...
Privacy Policy